teicos si racconta
sfoglia le news

Le novità della direttiva europea su prestazioni degli edifici ed efficienza energetica

Articolo del 21 settembre 2018 / Tutti le news

Ognuno di noi trascorre circa il 90% del proprio tempo all’interno di edifici. E’ dunque evidente quanto sia fondamentale agevolare la realizzazione di ambienti confortevoli e sicuri dove vivere e lavorare. La direttiva europea 2018/844 che modifica e integra la Direttiva sull’Efficenza Energetica degli Edifici, identifica e riconosce come molteplici i bisogni legati al concetto di "abitare" evidenziando il valore del benessere climatico indoor, la protezione dagli incendi e dai sisma.

La nuova Direttiva 2018/844 pone una speciale attenzione agli edifici esistenti e alla necessità che siano riqualificati entro il 2050. Entro tale data, infatti, il parco edilizio europeo dovrà essere de-carbonizzato e ad alta efficienza energetica (raggiungendo il livello NZEB). Per garantire il raggiungimento di questo importante risultato gli Stati membri della Comunità europea hanno il compito di elaborare strategie di riqualificazione dei propri immobili che prevedano indicatori di progresso misurabili, la cui modalità viene definita dagli Stati membri, al fine di verificare l’andamento al 2030 e al 2040. La Direttiva, inoltre, identifica alcuni momenti nella vita dell'edificio in cui può essere più conveniente, da un punto di vista economico, intervenire con la riqualificazione.

Una interessante novità è il suggerimento, agli Stati membri, di creare sportelli unici per i consumatori per offrire servizi di consulenza integrata, accessibili e trasparenti, in materia di ristrutturazioni e di strumenti finanziari per l’efficienza energetica.

La Direttiva suggerisce, inoltre, l’introduzione di un sistema facoltativo di "Building Renovation Passport", un documento realizzato su misura per ogni edificio che dettaglia come e in che modalità realizzare una riqualificazione profonda per fasi, con interventi parziali distribuiti in circa 15-20 anni,arrivando a trasformare l'edificio in NZEB.

Nella Direttiva si legge inoltre dell'introduzione di un indicatore della "smart readiness" dell'edificio e l'obbligo, nelle ristrutturazioni importanti degli edifici residenziali e non residenziali, di installazione e predisposizione di punti di ricarica per i veicoli elettrici. 

La Direttiva 2018/844 deve essere recepita dagli Stati Membri entro il 10 marzo 2020.

Sul sito dell'ENEA il testo della direttiva e ulteriori informazioni.

condividi
torna alla
sezione news