teicos si racconta
sfoglia le news

Climate TRACE: piattaforma che userà l’intelligenza artificiale per monitorare i cambiamenti climatici

Articolo del 13 Agosto 2020 / Tutti le news

La tecnologia digitale può mettersi a servizio dell'ambiente? Pare proprio di sì.  Un gruppo di organizzazioni no profit sta lavorando al progetto Climate TRACE che consentirà di monitorare in tempo reale le emissioni di CO2 in tutto il mondo e nei diversi settori coinvolti, dalla produzione energetica alle attività agricole, dai trasporti alle attività industriali. I dati saranno accessibili in tempo reale su una piattaforma online.

Fantascienza? Secondo le organizzazioni  coinvolte no. A promuovere e ideare il progetto ci sono, oltre all'ex vicepresidente americano Al Gore, da sempre schierato a favore dell'ambiente,  due società dedicate alle tecnologie informatiche Blue Sky Analytics e Hypervine e le organizzazioni no profit CarbonPlan, Carbon Tracker, Earthrise Alliance, Hudson Carbon, OceanMind, Rocky Mountain Institute, e WattTime.

Climate TRACE (l’acronimo sta per Tracking Real-time Atmospheric Carbon Emissions) intende raccogliere, analizzare e rendere pubblici i dati sulle emissioni di CO2 dovute alle attività umane su scala globale. Un sistema che consentirebbe anche di geo-localizzare in maniera precisa le emissioni inquinanti.

Una prima versione della piattaforma dovrebbe essere presentata per l’estate 2021, prima della conferenza delle Nazioni Unite sul clima – la CoP 26 – che si svolgerà in Scozia a novembre 2021. L'iniziativa ha lo scopo di supportare i governi mondiali a definire politiche e misure efficaci per il contrasto ai cambiamenti climatici.

 

condividi
torna alla
sezione news