close

Tu sei qui

Perchè partecipare


I finanziamenti dell'UE al servizio dei cittadini

Milano si è aggiudicata, con il progetto europeo Sharing Cities, le risorse che nei prossimi anni le consentiranno di sviluppare sfide di rinnovamento della città, dei suoi servizi, dei suoi edifici, a partire dal distretto Porta Romana/Vettabbia. Il cambiamento deve essere sviluppato in primo luogo con chi vive nel quartiere, partendo dalla riqualificazione energetica dalle abitazioni. Nell'edilizia è in atto infatti una vera rivoluzione e le nuove case vengono già costruite con materiali e tecnologie in grado di ridurre di dieci volte i consumi energetici rispetto a soli vent'anni fa. Ma chi vive in una casa costruita trenta o più anni fa non deve rassegnarsi ad affrontarne la svalutazione.

Gli stessi materiali e le stesse tecnologie impiegate per le nuove costruzioni possono infatti essere introdotte anche negli edifici esistenti. Isolare le facciate o il solaio costa poco più che rifare l'intonaco e permette di ottenere maggior comfort e molto risparmio, oltre che vantaggi per l’ambiente. La vecchia caldaia, magari a gasolio, può essere sostituita con impianti di nuova concezione, puliti ed efficienti. E grazie alla riduzione dei consumi e agli incentivi, questi investimenti si ripagano in pochi anni.


Far entrare la vostra casa nel futuro di Milano

Grazie ai finanziamenti ottenuti dall'Unione Europea possiamo facilitare alcuni interventi di ristrutturazione edilizia nel Distretto Porta Romana/Vettabbia. Per questo motivo vi segnaliamo l’opportunità di rispondere all’Avviso pubblicato su www.amat-mi.it. Nell’Avviso sono specificate tutte le indicazioni per partecipare al percorso agevolato e finalizzato a diventare un condominio a basso consumo energetico.

I condomini che si candideranno saranno oggetto di un sopralluogo preliminare e qualora sussistano le condizioni per il proseguo, i primi venti verranno affiancati, gratuitamente, da tecnici esperti, partner del Comune nel progetto europeo. I tecnici analizzeranno le prestazioni dell’edificio, mediante monitoraggio dei consumi energetici e delle condizioni di comfort abitativo. Insieme ad amministratori e residenti i tecnici svilupperanno un progetto di ristrutturazione energetica, adeguato dal punto di vista della qualità dell’abitare e per voi conveniente dal punto di vista economico. A valle di questo percorso, Condomini ed Amministratori potranno agevolmente decidere se e come realizzare l'intervento di rinnovamento, avendo tutti gli elementi per valutarne l'efficacia.


Gli edifici innanzitutto, ma non solo!

Il progetto Sharing Cities non prevede solo l'azione di ristrutturazione energetica. Nel distretto il Comune estenderà altri servizi: la mobilità elettrica in condivisione, il bike sharing, la gestione della sosta con sensori intelligenti, la comunicazione di dati attraverso la rete dell’illuminazione pubblica ... piccoli e grandi cambiamenti per vivere meglio anticipando la città del futuro. Gli interventi saranno disegnati insieme a cittadini, anche tramite i Consigli di Zona e con il supporto dei partner del progetto europeo.

Teicos