close

Milano, 23 milioni per aumentare l'efficienza energetica degli edifici

29/05/2018
milano efficienza energetica

Sul sito del Comune di Milano si trova online il bando per la concessione di contributi, finanziato con 23 milioni di euro a fondo perduto, dedicato a interventi di miglioramento dell’efficienza energetica degli impianti termici degli edifici privati. I condomini, società e soggetti sia privati sia pubblici possono usufruire del contributo e sostituire gli impianti di riscaldamento a gasolio, su un totale di 40mila edifici residenziali sono presenti circa 3500 impianti di riscaldamento a gasolio, con sistemi a minore impatto ambientale. Potranno inoltre installare sistemi di isolamento termico dell'edificio. L'amministrazione comunale ha già avviato il percorso che porterà all'adozione di nuove regole per il miglioramento della qualità dell'aria e la riduzione delle emissioni di polveri nocive (Pm10, NOx e CO2) in atmosfera; dal 1 ottobre 2023 sarà vietato inoltre l'utilizzo del gasolio per l'alimentazione della caldaia.

“Milano sta cambiando e cambierà con maggiore decisione e velocità – dichiara Marco Granelli, assessore all’Ambiente –. Grazie al bando caldaie 2017 e al progetto sharing cities, sono circa 100 gli edifici che abbasseranno il loro impatto ambientale riducendo le emissioni di inquinanti. Ma dobbiamo fare in fretta e moltiplicare gli interventi. Con questo nuovo bando potranno essere finanziati e realizzati nel prossimo triennio 3.900 interventi per un ammontare complessivo dei lavori pari a 700 milioni di euro e una diminuzione di 550 kg di Pm10 all’anno e di 321 kton di Co2 all’anno. Anche il Comune sta facendo la propria parte con i suoi edifici: entro l’autunno 2020 non ci saranno più caldaie a gasolio. Speriamo che anche Regione Lombardia si impegni concretamente e oltre alle parole metta risorse e regole. In 15 anni abbiamo dimezzato i superamenti di Pm10 consentiti, da 160 giorni nel 2002 a 75-80 di questi anni, ma dobbiamo dimezzare ancora senza aspettare altri 15 anni. Per fare questo salto serve una cura straordinaria: noi l’abbiamo messa in campo. Chiediamo a Regione Lombardia e al Governo di sostenerla. Il danno alla nostra salute è una realtà quotidiana”.

Per richiedere il contributo è necessario che l'amministratore di condominio o un legale rappresentante dell'edificio presenti al Comune di Milano la domanda di partecipazione. Per informazioni e aiuto sulla compilazione delle domande di richiesta del contributo è a disposizione gratuitamente lo Sportello Energia di corso Buenos Aires 22 – angolo via Giovanni Omboni, aperto dal lunedì al giovedì dalle 10:00 alle 12:00. Accessibile anche telefonicamente attraverso l’infoline  02 88468300, attiva dal lunedì al giovedì dalle 10:00 alle 13:00 oppure via mail: impianti.termici@amat-mi.it.