close

Il Sindaco di Milano inaugura i primi cantieri Sharing Cities

07/08/2017
teicos group sharing cities beppe sala

Lunedì 7 agosto, il Sindaco di Milano Beppe Sala e l'assessore alle politiche del lavoro, attività produttive e risorse umane Cristina Tajani, hanno inaugurato ufficialmente i primi cantieri edili del progetto europeo Sharing Cities, che coinvolge Teicos Group come responsabile per la riqualificazione energetica dei condomini coinvolti.

I lavori di riqualificazione energetica riguardano due edifici in via Verro e in via Tito Livio, nella zona milanese di Porta Romana- Vettabbia, interessata dal progetto europeo Sharing Cities che prevede di renderla, entro il 2020, una zona urbana di Milano a basso impatto energetico. I due stabili coinvolti, risalenti agli anni '70, saranno oggetto di una ristrutturazione profonda volta a ridurre drasticamente i fabbisogni energetici e ad integrare energie rinnovabili, assicurando un miglioramento sostanziale delle prestazioni dell'edificio.

Riportiamo in calce la rassegna stampa dell'evento.

Entrambi gli stabili richiedevano innanzitutto una manutenzione edile delle facciate e, grazie al supporto del progetto Sharing Cities, i condomini hanno trasformato un intervento di semplice manutenzione in una valorizzazione sostanziale dell'immobile. Partendo dallo stato di fatto e dalle esigenze dei residenti, sono stati sviluppati due progetti specifici che hanno ridotto le dispersioni energetiche del 50%. Sono previsti interventi di coibentazione di facciate, coperture e solai degli spazi comuni, l’integrazione di produzione di energia solare e i sistemi di regolazione e gestione degli impianti termici, che permettono di ottimizzarne il rendimento alla luce del ridotto fabbisogno energetico dell'edificio riqualificato. Il progetto impiantistico dei due edifici prevede la sperimentazione di un innovativo sistema gestionale energetico che ha la peculiarità di operare in una logica IoT (internet delle cose).

«Le barriere alla riqualificazione energetica da tempo non sono più tecnologiche – spiega Cecilia Hugony, amministratore delegato di Teicos UE e coordinatrice del tavolo di lavoro Renovate Italy, realtà che promuove progetti di riqualificazione energetica del patrimonio costruito in Italia Le soluzioni tecniche esistono e sono disponibili sul mercato. Le barriere sono oggi culturali e finanziarie. Sharing Cities ha sviluppato un percorso specifico per i condomini per superarle e attivare un mercato latente che potrebbe essere il motore della ripresa dell'edilizia in Italia». 

I primi cantieri si aprono dopo 18 mesi d’intenso lavoro, durante i quali le aziende Teicos e Future Energy da una parte e Legambiente e DASTU- Politecnico di Milano dall'altra, hanno supportato 20 condomini coinvolti nel progetto nella costruzione del loro percorso di riqualificazione energetica profonda.