close

Il Ministro Toninelli e la sua ricetta per il settore edilizio

05/07/2018

Puntare sulle detrazioni fiscali per incentivare le ristrutturazioni, rafforzare gli investimenti pubblici, favorire le piccole opere diffuse sul territorio, correggere il Codice Appalti, snellire la burocrazia nel mondo delle costruzioni e digitalizzare gli appalti pubblici attraverso il Bim.
 
Questa la ricetta per rilanciare il settore delle costruzioni individuata dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, in un messaggio inviato ieri ai partecipanti del convegno “Edificio 4.0: Costruire digitale per un'Italia più sociale, più sicura” organizzato da Federcostruzioni per presentare un Manifesto con 10 proposte operative per il settore edilizio.

L’Edificio 4.0 secondo il ministro consentirà risparmi che possano variare dal 13 al 21% nelle fasi di progettazione e costruzione, e dal 10 al 17% nella fase della gestione del patrimonio pubblico. “Ed è per questo – si legge nella nota del Ministro Toninelli - che il mio ministero è impegnato a introdurre importanti correttivi al Codice degli Appalti”.

“Occorre snellire il fronte amministrativo, penso soprattutto al Cipe - ha proseguito -. Ci sono opere che non riescono a partire, che sono ferme, in ritardo o incompiute a causa delle lentezze burocratiche”. Tra gli strumenti strategici individuati da Toninelli per far fare un salto di qualità agli appalti pubblici c’è in prima linea il BIM che nelle fasi di progettazione e costruzione, può prevenire in modo sostanziale gli errori di progettazione assicurando un risparmio annuale dei costi delle opere che può arrivare fino a 32,2 miliardi di euro.